ETH The Constantinople Upgrade: cosa c’è da sapere

ETH The Constantinople Upgrade: cosa c’è da sapere

Febbraio 20, 2019 1 Di Stefano Romoli

Constantinople è il nome del prossimo aggiornamento di Ethereum. Il 6 dicembre 2018, gli sviluppatori del nucleo di Ethereum hanno votato per procedere con Constantinople, che sarà implementato nel blocco 7,280,000. Con un tempo medio di blocco di ~ 14,5 secondi, la data stimata del fork di Constantinople è, come anticipato, fissata al 27 febbraio 2019.

Ma un fork non significa una divisione di valuta? Non necessariamente. Una delle fork più pubblicizzate nella storia di Ethereum è stata quella verificata dopo l’hack DAO e ha ripristinato l’ETH rubati ai proprietari originali. Dal momento che questo fork non era pianificato, la comunità si divideva tra coloro che sostenevano il ripristino dei fondi (Ethereum) e coloro che lo respingevano per motivi di immutabilità (Ethereum Classic). Poiché la comunità di Ethereum in generale si aspetta e sostiene il fork di Costantinopoli, non si prevedono conseguenze come visto nella durante la divisione ETH / ETC.

Constantinople integrerà 5 Ethereum Improvement Proposals (EIP), che affrontano una serie di problemi relativi a costo, velocità e funzionalità.

Attualmente, quando un minatore riesce a minare un blocco sulla rete di Ethereum, riceve 3 ETH come ricompensa. Dopo il fork di Costantinopoli, i minatori riceveranno invece 2 ETH per blocco come ricompensa. Questa riduzione da 3 ETH a 2 ETH è conosciuta come “Terzo”. Questa è la seconda volta nella storia di Ethereum dove i premi per i minatori vengono ridotti.

La riduzione dei premi ETH nel corso degli anni va incontro al tentativo di ridurre l’inflazione di ETH nell’economia di base della domanda e dell’offerta..

Conclusione

L’hard fork di Constantinople sarà un’emozionante evoluzione per la comunità di Ethereum. Con l’implementazione di efficienza, velocità e costi inferiori, si avvicinerà alla piena realizzazione del potenziale di Ethereum.