John McAfee difende i Bitcoin da Donald Trump Please Sir, “Get a Clue”

John McAfee difende i Bitcoin da Donald Trump Please Sir, “Get a Clue”

Luglio 15, 2019 1 Di Stefano Romoli

Pioniere eccentrico della sicurezza informatica e candidato alla presidenza 2020 John McAfee ha risposto ai commenti del presidente degli Stati Uniti Donald Trump su Bitcoin, difendendo la criptovaluta e coloro che la utilizzano.

Trump ha battuto bitcoin e la criptovaluta di Facebook in una serie di tweet questa settimana, sostenendo che non è un fan dei bitcoin o di altri criptos e aggiungendo che queste sono  “basate sul nulla”, prima di rivendicare una mancanza di regolamenti.

Rispondendo a Trump attraverso un video su Twitter, McAfee ha sostenuto che la maggior parte delle tecnologie emergenti sono state adottate dai criminali, ma hanno comunque migliorato notevolmente la vita delle persone.

John McAfee difende i Bitcoin da Donald Trump Please Sir

Secondo le sue parole, l’invenzione del telefono “creò una nuova America, con comunicazioni istantanee“, e aiutò anche i criminali mentre utilizzavano la tecnologia per coordinare le attività criminali. Così come  l’invenzione dell’automobile ha aiutato i criminali nelle rapine in banca.

La stessa Internet, ha aggiunto McAfee, ha creato organizzazioni criminali che possono coordinarsi a livello internazionale, istantaneamente. Le criptovalute, ha sostenuto, non sono diverse.

I regolamenti, ha aggiunto il pioniere della sicurezza informatica, sono infranti e ignorati dai criminali e in quanto tali “colpiscono solo le persone rispettose della legge”.

Nei suoi tweet, Trump ha anche affermato che esiste una “una valuta reale negli Stati Uniti”, riferendosi al dollaro USA. In risposta, la comunità della criptovaluta ha sottolineato che il Bitcoin è “sulla responsabilità e sulla scelta personale” e lo ha ringraziato per la pubblicità gratuita.