Roubini cambia idea: Bitcoin è una riserva di valore

Roubini cambia idea: Bitcoin è una riserva di valore

Ottobre 21, 2019 0 Di Stefano Romoli

Tregua fra Nouriel Roubini, l’econonomista scettico sulle valute virtuali, e Bitcoin. Il famoso Doctor Doom, nome guadagnato per la sua previsione della crisi finanziaria del 2008, è stato sempre molto critico sulle valute virtuali, definite sempre  una bolla e senza nessun valore oggettivo. Ora lo scettico ha cambiato idea almeno parzialmente. 

Maybe Bitcoin is a partial store of value but it’s not a unit of account, it’s not a means of payment, it’s not scalable […] in spite of its rally earlier this year, it’s lost 60% in value since its peak, so I don’t see it going anywhere frankly.”

Quindi ha affermato che comunque lui avrebbe accettato dollari al posto di qualsiasi “Shitcoin” gli avessero offerto. Ammetto di trovare quest’ultima posizione estremamente preconcetta e molto bizzarra. Ogni cambio di valute è un “Baratto” fra le espressioni economiche di due sistemi diversi: per fare un discorso molto semplificato,  se compro dollari comunque prendo un “Buono acquisto” per fare shopping nell’economia americana, se compro Yen lo faccio su quella giapponese, se compro Yuan su quella cinese.

Se compro un future sul petrolio e quindi lo cambio con uno sul sulla pancetta di maiale comunque faccio un baratto, anche se transito attraverso il dollaro. Tutti gli scambi sono un insieme di baratti e non si capisce perchè quello fatto tramite una stabelcoin sia peggiore rispetto a quello svolto attraverso una valuta Fiat. La mia impressione è che Roubini, diventato famoso per la sua figura di Cassandra, ci stia giocando un po’ su questo fattore, essendo ipercritico e quindi cercando notorietà con le sue posizioni.